Come ti avevo preannunciato l’estate si fa sempre più calda.

Ieri mattina, 08 giugno 2021, un cyber attacco di portata estesa ha mandato in tilt internet.
Hai letto bene.

Non è stato un attacco a un sito o ad una multinazionale.

È stato un attacco proprio verso internet in generale.
New York Times, Guardian, Reddit, Amazon, il sito del governo britannico tanto per citarne alcuni.

Panico generale.
Che cosa è successo?

Fastly sotto attacco, ma nessun problema

Una delle più grandi società di servizi cloud al mondo con sede negli Stati Uniti, Fastly, è stato l’oggetto dell’attacco.

La società si è subito difesa dichiarando pubblicamente che “il problema è stato identificato ed è stata applicata una correzione”.

Una belle presa per il naso.
Internet non va down per un problema.
Parliamo di un’infrastruttura mondiale.

Soprassedendo sui danni economici che tutto questo ha comportato voglio solo sottolineare come i cyber attacchi si stanno facendo sempre più frequenti e con danni sempre maggiori.

E cosa me ne può fregare a me

Ovviamente in questo momento tutto questo non va a toccare più di tanto la tua vita, giusto?

Se una parte del popolo americano non ha la benzina per due giorni a te non cambia nulla.
Se per qualche ora non puoi comprare su amazon, in fondo, cambia poco.
Se l’Irlanda rimane per un due giorni senza sistema sanitario che cosa succede nella tua vita? 

Niente!

Ma i cyber attacchi sono solo agli inizi.

Quando succederà in Italia e per alcuni giorni i supermercati saranno senza rifornimenti (tieni conto che i supermercati tengono approvvigionamenti per massimo 48 ore) cosa credi che faranno le persone?

Se dovesse saltare l’acqua potabile a casa per un cyber attacco alla centrali non pensi che, minimamente, le persone daranno di testa?

Eppure la maggior parte del popolo sta correndo a tutta velocità verso un muro mentre cerca di prenotare una serata in discoteca per vaccinarsi sotto le stelle.

Guarda la tua dispensa.

  • Hai tre mesi di acqua e cibo per te e la tua famiglia?
  • Hai taniche di benzina o gasolio piene e ben riposte?
  • Vai in autonomia come energia elettrica nel caso in cui la rete vada offline anche solo per due giorni?

Se la risposte è no significa che sei fragile e sei in estremo pericolo.

Ovviamente per chi ha orecchie per ascoltare e occhi per vedere.
Per tutti gli altri abbiamo Burioni, Bassetti, Draghi e un’altra lista infinita di Magici Pifferai che conducono le persone verso un profondo baratro.

Tu invece puoi aprire la mente e decidere con la tua testa in base ai fatti e non alle supposizioni.

Oggi nessuno ha dovuto fare dei test sugli asintomatici per capire se internet fosse down o meno. Bastava cercare di navigare per capire che qualcosa era andato storto.

La differenza tra racconti di finzione e la realtà.

Preparati: bisogna essere pronti.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *