Una donna di April Smith, dopo 20 anni come chef, decide di lasciare il lavoro.

Fin qui, una notizia ordinaria.

Ma cosa succede dopo?

Decide di diventare una cosiddetta “svuota-rifiuti”.

Nei primi sei mesi racimola ben 18.000 euro di valore, solo portando a casa tutto ciò che viene buttato via dai grandi negozi e supermercati.

Non solo ma dice di aver risparmiato oltre 3.400 euro solo in cibo- oltre ai 18.000 euro di valore che ha portato a casa.

Inoltre è una professione di tutto conto: si chiama “dumpster diving” e ognuno può scegliere di condividere o non condividere i propri “spot” dove vanno a fare le loro ricerche per i bottini.

Non potendo usare tutto (essendo una persona sola) molte cose le dona o le regala.

Che ridere: le persone si disperano nel “trovare un lavoro” e fa sorridere come questa donna è veramente uscita fuori dagli schemi.

Ora, io non la conosco e non so che vita ha: sicuramente con la parola “svuota-rifiuti” possiamo pensare ad una persona malandata, ma vive in una casa uguale ad altre e di certo non le mancano i prodotti o gli oggetti- dato il suo nuovo lavoro.

Ma la cosa interessante è la notizia: ci fa pensare a quante possibilità le persone hanno nella vita che non vedono perché non sono proprio in grado di immaginarle.

Uno la può ritenere una “Tribeker” nel senso che pensa fuori dagli schemi, o una “folle” perchè per lei non ha senso ciò che fa, ma fa riflettere su due cose.

La prima: quante cose ci sono che non fai e non pensi di fare proprio perchè non le conosci e non potresti mai immaginartele?

E in secondo piano anche l’enorme quantità di cibo e oggetti sprecati ogni giorno- e la follia delle persone nel volere sempre la cosa nuova ed essere disposti a pagarla cara solo per il marchio.

Che effetto farebbe vederla a centinaia buttata via?

Ci fa rendere conto del vero valore delle cose.

Quindi credo che questo possa stimolare una discussione interessante, se non divertente:

Tu cosa ne pensi?

Una “vivi la vita che vuoi, dove vuoi” o una folle che non sapeva cosa inventarsi?

Se tu fossi lei, cosa faresti del tuo lavoro?

Cosa ti piacerebbe fare o trovare?

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *