2,000 cause legali con un valore di miliardi di dollari e 24 stati in accusa.

Così finisce sulle testate la Purdue Pharma, con un valore stimato di quasi 5 miliardi di dollari.

Che cosa è successo?

Sicuramente conosci gli antidolorifici.

Chi non ne ha mai preso uno, anche solo una volta nella vita, soprattutto se ti è capitato di finire in ospedale?

Forse però non ne conosci l’antefatto: per farla breve, negli anni ‘90 la società si era un po’ preoccupata riguardo a questo tipo di medicinali a base di oppioidi ossia composti chimici psicoattivi che producono effetti farmacologici simili a quelli della morfina o di altre sostanze morfino-simili.

Temevano che le persone ne diventassero dipendenti!

Le aziende farmacologiche però rassicurano: certo che no, ovviamente! I nostri pazienti non ne rimarranno dipendenti.

Eppure negli anni la situazione non andò esattamente così (come puoi immaginare) e la dipendenza agli oppioidi divenne (ed è ancora oggi) una vera e propria crisi.

Per fare un paio di numeri, circa 130 americani muoiono ogni giorno per overdose di oppioidi, e fra il 21 e il 29% dei pazienti a cui vengono prescritti questi medicinali ne fanno abuso.

E così oggi la cara Purdue Pharma, gestita dalla famiglia Sacklers, “filantropi” dichiarati, viene accusata di aver fatto un profitto di miliardi di dollari nonostante conoscessero gli effetti negativi e pericolosi per le persone.

Vengono accusati della morte di oltre 400,000 persone solo in america, a causa di questa crisi, da parte di 24 stati e dalle comunità dei Nativi Americani.

Perché oltre a tutto questo si aggiunge anche la difficoltà di chi sviluppa dipendenza da questa droga: ben l’80% delle persone dipendenti dall’eroina hanno iniziato con l’abuso dei farmaci a base di oppioidi che gli erano stati prescritti.

(Dati dell’Istituto Nazionale sull’Abuso delle Droghe (NIH) del governo americano)

Insomma, hanno drogato un sacco di gente!

E l’azienda ora punta alla bancarotta, ma gli stati non gliela vogliono far passare liscia, l’azienda così eviterebbe di destinare fondi ai bisognosi di questa crisi.

Eppure mentre accadeva tutto questo, la famiglia, bene all’occhio, ha fatto che trasferire più di un miliardo di dollari dall’America alla svizzera sotto società con nomi nuovi e ingegnosi.

Lasciando stare l’opinione degli avvocati e le bravate della famiglia Sacklers, questa notizia fa riflettere.

Quante persone, in seguito a operazioni, medicazioni e traumi, hanno sofferto di questa violazione della libertà?

È una violazione della libertà: i pazienti dovrebbero essere stati avvertiti prima.

Ma chi ha dato il permesso di sotto-valutare i rischi di una medicina che induce per un terzo dei casi alla dipendenza da droghe?

Quanti casi come questi succedono prima che vengano finalmente presi provvedimenti per il bene delle persone?

Tu cosa ne pensi?

Secondo te hanno approfittato del profitto da parte dei medicinali oppure era la soluzione migliore che avevano?

Secondo te quale interesse c’è veramente dietro?

ps. se vuoi vedere una lista dei medicinali contenenti oppiodi, la trovi qui:

http://www.salute.gov.it/portale/temi/p2_6.jsp?id=3716&area=sostanzeStupefacenti&menu=medicinali

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *