Il 7 Ottobre, sotto il ponte in Via Newton, a Roma, è stato appeso un fantoccio con tanto di treccine e impermeabile giallo, con il cartello “Greta è il vostro Dio”.

Quasi mi mancano le parole nell’esprimere l’ignoranza che, purtroppo, spinge le persone a fare questo.

Soprattutto perché queste sono le stesse persone che incontri per strada o con cui potresti lavorare.

Sono quelle che insieme ad altre hanno iniziato insultando una ragazzina di 16 anni sui social dicendole di “andare a morire” , per non parlare del politico italiano che ha detto che “smetterà di protestare quando scoprirà la m*****a” per poi giustificarsi dicendo che non aveva creato lui l’immagine ma l’aveva solo ri-postata (ah, scusa, allora).

Sono le stesse persone che sui siti di testate giornalistiche dicono di essere degli scienziati seri poi però denunciano Greta come “una divinità che dice il falso, una dea kalì”, senza neanche però usare dei dati per contrastare la sua opinione.

Troviamo persone che dovrebbero essere politici, scienziati, imprenditori importanti, direttori di aziende o uomini di tutto rispetto che invece troviamo sui social a denigrare una ragazzina, prendendola in giro anche per la sua leggera disabilità.

Siamo davanti ad un mondo dove le multinazionali si prendono gioco delle persone, mettono i soldi davanti ai diritti umani, creano simil-cibi che rovinano la salute delle persone e fanno credere alle persone che il vero dio non è Greta, ma il denaro…

In un mondo così e con problemi gravi e importanti… le persone se la prendono con una ragazza solo perché parla dell’ambiente con dati scientifici!

In ogni caso non ho bisogno di nessuna comunità scientifica per vedere la spazzatura che fa schifo sulle spiagge o capire che è sbagliato versare le scorie dei processi chimici nei fiumi.

Quindi se proprio vogliamo dirla tutta, non abbiamo bisogno di nessun dato scientifico per vedere lo schifo.

Comunque, ti rendi conto?
Così tanto odio per una persona che dice che vorrebbe vedere un mondo migliore- STOP.
Invece viene accolta al grido ignorante del:

È STATA MANIPOLATA!

Mi fanno ridere…. ma le persone credono davvero che i politici siano dove sono senza nessun aiuto degli spin doctor?

Che il Brexit e Trump (come dimostrato) abbiano vinto “solo” perchè c’era una maggioranza di voti “spontanea” e che non abbiano usato strumenti per i loro interessi?

Che veramente molte aziende o pubblicità non vengono manipolate loro stesse per interessi economici personali?

Che non sia tutto in qualche modo manipolato?
Ma scusa, credi che neanche una persona che ha del potere non lo usi per i propri interessi?
Davvero?

Queste persone mi fanno ridere.

Se la prendono con una ragazzina “manipolata” che almeno dice delle cose da cui si può fare qualcosa di interessante, che poi ti piaccia oppure no, ma non sta ammazzando nessuno.

Il tutto mentre le multinazionali stanno invece letteralmente ammazzando decine di milioni di persone ogni anno, dalle fabbriche con i bambini sfruttati, alla privazione delle risorse nei paesi “del terzo mondo” a cui pensano di dover insegnare l’educazione schiacciandoli, alle bombe in Siria diventando la prima causa di morte dei bambini perché “sono dei criminali” (sì certo, i criminali sono proprio loro), fino alle persone che muoiono di overdose di farmaci che causano dipendenza o che vivono una vita rovinata dai farmaci, dall’alimentazione, ai casi di cancro e depressione che “stranamente” salgono, alla manipolazione dei media per il consumo e l’educazione scarsa dei figli nelle scuole….

E loro invece, furbi come sono, se la prendono con una ragazzina di 16 anni.
Mi sembra una mossa geniale!

Signore e signori, sarebbe ora di fare una mossa davvero intelligente.
Ricordo il film di Hunger Games, quando Katniss, arrivata alla fine dei giochi nel secondo film, rimane sola nell’arena con un’altra persona e sta per scoccare la freccia e ammazzarla.

Così vincerebbe i giochi.
Stanca, esausta e piena di sangue e ferite, ha già perso troppe persone care.

Ma, quando sta per scoccare la freccia, si ricorda le parole che una persona le aveva detto:
“Ricorda chi è il vero nemico.”

Finalmente capisce le parole.
Scoccando la freccia non vincerebbe lei, ma farebbe vincere il sistema.
Allora si alza, si guarda in giro, arrotola i cavi elettrici (che erano rimasti da un accadimento precedente) intorno alla freccia e la punta al cielo.

La freccia scocca e colpisce la gabbia sotto cui era messa l’enorme area.
Il palinsesto si brucia, il cielo scompare e tutto cade.
Era davvero finita.

Ora aveva davvero vinto lei.
Si era ricordata chi era il vero nemico.

Non la persona che era nel sistema con lei, ma il sistema stesso che portava le persone a combattere fino all’ultimo sangue.
L’odio che provava non era per il suo avversario ma per il sistema che li aveva messi lì.

Ecco, mi sembra praticamente la stessa situazione.

Le persone si arrabbiano direzionate verso quello che credono “un nemico” o “una persona da denigrare”, assieme ai governi e ai presidenti che ci vanno dietro, e tutti ridono credendosi intelligenti.

Invece si comportano da stolti: si scordano chi è il vero nemico.
Ti dà fastidio sentire dei dati scientifici o vedere il sistema in cui sei?

Allora devi smetterla di “vincere” dentro le finte gare e rivolte che ti mettono davanti.
Ti devi ricordare il vero nemico.
Alza la freccia in alto, non davanti!

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *