Sapevi che senza le pensioni dei nonni , milioni di famiglie italiane sarebbero sotto la soglia di povertà?

Sì , è proprio così! I nonni fanno da paracadute e salvano figli e nipoti.

In Italia, circa una su tre famiglie ,vivono di pensione.

Si dà ormai per scontato l’esistenza della disponibilità finanziaria da parte dei nonni, per permettersi di evitare di riconoscere il diritto al lavoro, al reddito, alla casa, a una vita dignitosa nel e soprattutto fuori da un lavoro sempre più miserabile.

I trasferimenti pensionistici rappresentano più di tre quarti del reddito familiare disponibile per quasi 7 milioni e 400mila famiglie, mentre sono l’unica fonte di reddito per oltre  2 milioni e 600 mila famiglie, il 21,9% dei casi.

L’Istat afferma che la presenza di un pensionato riduce l’esposizione al rischio di povertà.

La crisi del reddito e del salario, la vera questione politica oggi  è arrivata a questo punto.

E non è tutto!

Non solo l’anziano permette al più giovane di sostenersi, ma un pensionato su tre è anche povero. 

Il 36,3%, riceve ogni mese meno di mille euro lordi, il 12,2% non supera i 500.

Quindi di chi è la colpa ?

Non c’è un solo soggetto che sbaglia, bensì entrambi.

Da un lato abbiamo i figli e i nipoti che sfruttano la bontà dei nonni, usufruendo della percentuale maggiore della pensione.

Dall’altro lato se ci pensi ,i figli rincorrono i propri genitori per qualunque cosa sin da piccoli, quindi sono ‘abituati’  a comportarsi in questo modo.

Nel momento in cui un bambino riceve questo tipo di educazione, non riuscirà a cavarsela da solo, trovandosi spesso in situazioni di difficoltà causate dalla mancanza di lavoro e reddito.

Prendi per esempio le famiglie che, pur non potendoselo permettere, continuano a mandare i figli all’università nonostante abbiano superato di molto la maggior età , con la speranza che essi concludano gli studi.

Il genitore in questo caso non dà la possibilità al proprio figlio di fare esperienze, acquisire conoscenze ed avere la possibilità di fare errori, perché è solo così che possono imparare realmente.

Fare esperienze nuove, e non parlo soltanto di viaggiare nel mondo , ma sentire sulla propria pelle il significato del rischio, del fallimento , della caduta. 

Solo così riuscirai ad alzarti,  valorizzando i tuoi punti più forti, perché solo cadendo e rialzandosi si impara a stare in piedi!

Tu cosa ne pensi?

Da cosa credi sia stata causata questa situazione?

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *