Oltre che del giornalismo direi che questo ragionamento può essere steso a chiunque faccia qualcosa per soldi.

In questi giorni abbiamo assistito a uno spettacolo indecente da parte del giornalismo Italiano.

Una menzogna senza eguali fatta solo per vendere, senza la minima remora e senza la minima considerazione di quello che sarebbe potuto succedere a fronte di certe notizie.

Un servizio delle Iene ha messo in mostra il fatto che i numeri sui contagi di Coronavirus diramati dalla stampa sono completamente diversi, e di 3 volte superiori, rispetto a quelli comunicati dall’Istituto Superiore di Sanità.

Se le Iene non avessero ragione saremmo davanti allo stesso problema, anche loro a raccontare bugie pur di fare un servizio, come già in passato hanno adoperato fare.

Ma il punto rimane uguale, oggi l’informazione è in mano ad aziende vere e proprie, che hanno come scopo quello di creare fatturato.

Non è quindi così difficile pensare che pensino prima a vendere e dopo a raccontare cose vere.

Questo concetto è una delle cose che più difficilmente le persone riescono a realizzare, pensa solo che se fosse veramente logico e comprensibile non ci sarebbe niente di strano nel pensare che le aziende farmaceutiche non facciano il nostro bene, ma cerchino solo di guadagnare.

Quindi il concetto che il sistema ci vuole vedere vivi e malati il più a lungo possibile sarebbe facilmente comprensibile e scontato, come infatti lo è per chi riesce a comprenderlo.

Invece in giro è pieno di persone che pensano che i vaccini o i medicinali siano veramente utili e fatti per farci stare meglio.

Questo è sbagliato?

No, si chiama capitalismo, economia, è la definizione del termine “Impresa”, insomma è tutto normale, dire che i vaccini o i medicinali servono a gonfiare le tasche delle aziende farmaceutiche è pura logica, ed è un bene, perché quelle aziende creano lavoro e danno lavoro a migliaia di famiglie.

Sono le persone che vogliono sentirsi coccolate dal sogno di vivere in un mondo in cui c’è qualcuno che vuole salvarci, liberarci da tutti i mali e farci stare bene in eterno.

Esattamente come chi crede che i giornali, o i telegiornali, siano li per informarci e dirci la verità.

E come mai, allora, ascoltando un telegiornale ogni volta sembra che siamo circondati dall’inferno in terra?

Quand’è l’ultima volta che hai sentito una notizia positiva in apertura di un telegiornale?

La cronaca nera vende, si sa, e spero che tu non abbia mai dovuto provare che cosa vuol dire perdere una persona cara e leggere sui giornali cosa si inventano i giornalisti pur di vendere.

E sai alla fine di questo ragionamento che cosa viene fuori?

Ancora una volta la libertà. La libertà tramite l’informazione, quella vera, quella fatta studiando, confrontando fonti differenti, leggendo la stessa notizia su più giornali, siti web, blog.

Alla fine è tutto legato alla nostra libertà, e sta a noi, ogni giorno, scegliere se “credere a qualcuno” o studiare e dubitare di tutto.

Koan Bogiatto

Presidente e Co-Fondatore di Tribeke.
Formatore, autore di best-seller, imprenditore e speaker internazionale.
È il punto di riferimento di chi ha il coraggio di iniziare il cambiamento: aiuta gli imprenditori a creare una vita e un business libero dai vincoli nazionali.
Ha realizzato un’attività che gli permette di lavorare dove e quando vuole godendosi la vita con le persone che ama.

View all posts