Un ottimo esempio di violazione di libertà estesa.

Non parlo solo delle crypto anche se certo, la scelta di mantenere le armi che uccidono persone e bambini ogni anno a causa delle sparatorie ma le crypto no (buongiorno, mercato delle armi!) fa sorridere, nel peggiore dei modi.

No no, parlo di un altra cosa.

Ricordi come sono avvenuti all’incirca tutti i più grandi accadimenti disastrosi nella storia o le violazioni della libertà?

Con piccole concessioni. Passo passo.

Mica tutti d’un colpo- chi il mattino dopo dopo si è trovato in manette il giorno prima aveva già la polizia fuori casa (e il giorno prima ancora le mura).

Persone che non si preoccupavano dei venti di guerra e di dittatura in altri paesi si sono trovati sotto le stesse ingiustizie.

Allora ecco perchè dovremmo parlare di questo: nel 2018, totalmente sotto traccia fra le notizie delle star che si cavano il naso alle bahamas e le ultime tendenze in fatto di riccioli, Trump ha firmato un ordine esecutivo di bannare la crypto del Venezuela.

Oh certamente, mi dirai che il Venezuela era già in crisi (anche se la stessa crisi è stata indotta forse da un governo dittatoriale e sono stati violati i diritti umani?) ma questo è esattamente un ottimo presupposto per iniziare con le piccole concessioni.

Bene, questa legge, che si chiama di preciso (in inglese) Senate Bill 1025, potrebbe partire già oggi e proibire l’uso da parte di tutti i cittadini U.S.A. di usare la cripto venezuelana chiamata Petro.

Bene, se questa legge viene approvata, oltre le 20 già esistenti sulle cripto, sarebbe la prima Cripto proibita di tutti gli stati uniti.

Simile all’atto VERDAD in Cina, che ha bloccato gli scambi bitcoin, questo potrebbe lasciare carta bianca alle altre.

Non è tanto quanto sia potente la cripto o se ci mancherà la Petro oppure no.

Sono le piccole concessioni.

Se hanno trovato la “ragione” per bannarne una, perchè pian piano non tutte?

“Sicurezza dell’economia” potrebbe essere la stessa chiave che si userà come con il Venezuela.

E non illudiamoci che se gli States sì, noi no.

La più grande economia lo fa e altri stati no?

Magari capisco la Cina, ma se lo fanno gli U.S.A.?

Però le armi che hanno ucciso quasi 39.000 bambini dal 2000 non vengono messe sotto regolamentazioni che possano prevenire le continue sparatorie nelle scuole.

E allo stesso tempo Facebook stesso sta pensando di aprire una cripto chiamata Libra che abbia alle spalle le banche.

Le cripto, come molte altre cose, d’altronde, stanno di nuovo facendo la strada in cui dal pubblico passano alla restrizione attraverso piccole concessioni e infine diventano strumento delle grandi corporation (privato).

Credevi che non se ne sarebbero accorti di questa innovazione?

Piccole concessioni nel presente.

Grandi cambiamenti nel futuro.

Cosa ne pensi?

Secondo te che interessi ci sono dietro a tutti questi passaggi?

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *