Stamattina ci siamo svegliati a Miami Beach!!
Faremo due settimane fra Florida e Texas.
Che emozione enorme tornare negli U.S.A., e per quale motivo!
Parliamo di real estate, cripto, fondo investimenti e incontro dei nostri partner.

Visto che in questo momento la Florida viene chiamata “la terra della libertà”, ho pensato di raccontarti una breve storia di cosa significa la parola libertà.

Vedi, io penso che la più grande libertà nella vita si quella di poter scegliere: stamattina spiegavo come è possibile partecipare, anche a distanza, al nostro viaggio. Perché il viaggio che facciamo è una missione per realizzare magie. E ogni magia è una magia per tutto il movimento.

Il punto di questo è che io ho spiegato il come, poi ognuno deciderà se partecipare, ma – a prescindere dalla scelta – saranno in grado di farlo.
Questa per me è la rappresentazione della libertà: sapere come si fa, sapere e conoscere e poter decidere – anche di no. Ma sei a conoscenza del processo, hai la libertà di scegliere.
Hai gli strumenti e il potere decisionale.

Bene, di questo voglio parlare di oggi.
Di come molte persone confondono il denaro o la vita lussuosa con la libertà, quando non ha niente a che fare con la libertà stessa. Ora mi spiego meglio attraverso questa storia.

“Un imprenditore miliardario e di grande successo decide di fare una vacanza in Messico, in un luogo sperduto e lontano dal caos. Dopo aver girato per un po’, finalmente trova quello che cerca. Un piccolo villaggio di pescatori: è perfetto. Luogo da cartolina, lontano dalle metropoli e dal caos, dove sembra di essere tornati indietro nel tempo.

I bambini corrono per le strade e giocano tutto il giorno quando non aiutano i genitori a pulire le reti, le mamme cucinano, tessono e gestiscono le case, gli uomini vanno a pescare e tornano con cesti e cesti di pesce freschissimo.
Un luogo dove il pomeriggio tutti si riuniscono: c’è chi pulisce il pesce e chiacchiera, chi gioca, chi suona la chitarra intorno al fuoco, chi ripara le reti, chi racconta di cosa ha visto nelle acque, chi mette su una zuppa con il pesce rimasto e chi semplicemente si rilassa davanti alle onde.

L’imprenditore capisce molto bene il commercio, essendo che ne è esperto, quindi con una breve occhiata si fa già un’idea chiara di chi è il pescatore più bravo.
Quando vede ceste e ceste di pesce fresco sente già l’odore di affari, che è il suo pane quotidiano. Lui sa come si fanno tanti soldi! E anche se è in vacanza non può evitare di tornare alle sue abitudini.

Arriva facilmente al pescatore più bravo di tutti ed inizia ad intessere un’amicizia con lui: vanno a pescare insieme, chiacchierano e passano del tempo assieme.

Ad un certo punto, mentre sono fuori con la barca in attesa di tirare su le reti da fondale, l’imprenditore si fa coraggio:

“Miguel, il pesce qui è fantastico! È incredibilmente abbondante e freschissimo e tu sei molto bravo, ma dovresti espandere i tuoi orizzonti!”

“Dimmi, señor, in che senso?”

“Capisco che tu vivi in questo paesino da sempre, ma devi andare oltre. Ad esempio, che ne fate del pesce avanzato?”

“Lo diamo agli animali, visto che dopo poco non si può più mangiare.”

“Ma no, cosa stai dicendo! Senti, appunto, sei eccezionale nel tuo lavoro ma visto che vivi in questo paesino da sempre non hai capito come si vive davvero, ora ti spiego: non devi buttare via il pesce. Ogni giorno prendi il furgone e con un’ora e mezza vai ai villaggi vicini e inizi a vendere quel pesce avanzato, e a fare dei soldi in più.”

“Certo, señor, così farò qualche soldo in più che prima non avevo.”

“Guarda Miguel, non hai proprio capito. Con quei soldi devi poi prendere un’altra barca e prendere un altro ragazzo a cui insegnare il tuo lavoro.”

“Certo señor, e poi sono a posto, no?”

“Ma dai, cosa dici! Poi prendi altre barche e fai lo stesso!”

“Ok señor, ma non mi servono quei soldi per far mangiare la famiglia, no?”

“Ma certo che no, la tua famiglia mangiava anche prima! Poi metti via i soldi, crei uno schema, lo duplichi e crei una flotta di pescherecci! Certo, dovrai stare un po’ distante dalla famiglia e lavorare di più, spostarti, ma ce la puoi fare.”

“Va bene señor, e poi?”

“E poi potresti venire a vivere con me a New York per creare la più grande flotta di pescherecci d’America! Ci credi? Potremmo avere la più grande flotta. Certo, dovrai vedere meno i tuoi figli che cresceranno senza di te e anche tua moglie, ma poi, con magari 15 o 20 anni di sacrifici avrai tantissimi soldi e la più grande flotta di tutto questo continente!”

“Capisco señor, e poi? Cosa succede?”

“Ma è ovvio: dopo questi sacrifici alla fine potrai permetterti come me di andare in vacanza in posti bellissimi e prenderti pomeriggi per suonare la chitarra, stare con tua moglie e finalmente passare del tempo con i tuoi figli, anche se saranno un po’ cresciuti.”

“Mi scusi señor, ma è quello che faccio già tutti i giorni!”

Trovo questa storia molto semplice e quasi ironica ma che spiega perfettamente questo concetto.

Molti rincorrono l’aumento del fatturato tutta la vita ma non hanno bene in chiaro cosa desiderano.

Io per tanti anni ho avuto la possibilità di aumentare la mia ricchezza come il nostro amico imprenditore nella storia, facendo tour in Italia, in Europa e tanto altro, ma questo, come l’imprenditore spiegava a Miguel, mi avrebbe portato lontano dalla famiglia.

Io sapevo cosa volevo: non ho mai sacrificato la famiglia e non lo farà mai.
Continuo a lavorare per garantire una vita straordinaria a tutti assieme alla mia famiglia e mai sacrificandola. In più oggi ho anche 11 anni di esperienza di vita in più.

Questo significa essere liberi.
Avere la possibilità di sceglieresignifica avere ben chiaro cosa desideri nella vita.
Questo ci rende liberi.

Quando invece ci vincoliamo ad una vita che non desideriamo, senza sapere cosa desideriamo e senza fare scelte guidate da questo, non siamo liberi.

Ricorda sempre questa storia.
La libertà non è uno status symbol, non è una Lamborghini o un conto a tanti zeri.
Libertà è vivere la vita che desideri.

E a volte è più semplice – e non facile – di quello che molte persone pensano.

Articoli simili

2 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.