L’Italia avanza la proposta seria di eliminare il contante per “contrastare l’economia criminale”.
Inizia già a ridare una parte dei soldi spesi alle persone che usano solo la carta di credito e a tassare chi usa i contanti.

Ma non sono gli unici: sono sempre di più, in tutto il mondo, i Paesi che hanno “dichiarato guerra” al contante, con l’obiettivo di combattere l’evasione fiscale e di impedire il riciclaggio di denaro sporco.

Gli italiani?
Molti (folli) si dimostrano addirittura favorevoli!
Secondo loro “potrebbe aiutare l’economia!”

Certo, ci sto proprio credendo!
Sicuramente è proprio il contante il problema.

Come se già il fatto che abbiano cambiato le banconote, che prima avevano un controvalore in oro e argento che potevi ritirare alla banca, in carta straccia, non bastasse.
Ora ti tolgono pure il diritto di possedere i tuoi dannati pezzi di carta.

Ora sei schiavo del computer, i numeri sul conto che con un click possono cambiare la tua vita e tu non ci puoi fare niente.

Ormai pagare con il proprio telefono non è una novità.
Semmai lo è pagare in contanti!
Prendi come esempio la Cina, dove i pagamenti mobile, ovvero via telefono, sono il metodo più utilizzato per pagare praticamente quasi tutto.

Mentre potremmo essere tentati dal Dio Tecnologico nel dire che questo significa che la Cina è molto avanti rispetto a noi, la verità è che non tutto quello che è “elettronico” e “online” significa avanti ed evoluto!
A parte che le carte di credito non si sono mai diffuse in Cina, in parte per le poche opzioni a disposizione, poi per un atteggiamento culturale verso il debito e, fino a poco fa, per la mancanza di soldi da spendere.
Al tempo stesso, è noto quanto sia difficile trattare con le banche di stato cinesi (in aggiunta a tutte le ragioni precedenti).
Poi scusate, fatemi capire, ma non erano proprio le crypto che avevano “messo in allarme” i governi perché “le usavano i criminali” essendo “tutte transazioni online criptate”?

E allora fammi capire, com’è che, oltre il denaro digitale, tutte ste applicazioni come Alipay e TuocugginoPay non possano diventare un altro portale per transazioni losche?
Cioè davvero non ci sarebbero gli stessi problemi rispetto alle “transazioni oscure”?
Ma perfavore. E si aspettano che le persone ci credano (purtroppo probabilmente non si faranno troppe domande e andrà così).

La verità è che è una scusa banale e insulsa, che limita la libertà delle persone.
È come dire: “le persone non possono avere le macchine perchè altrimenti possono andare oltre i limiti, meglio quindi proibirle e rendere le persone dipendenti dai tassisti e da uber”.
Mi sembra una splendida idea!
Sai cosa significa se aboliscono i contanti in Italia?

• niente più privacy: i soldi sono miei e ho il diritto di spenderli come meglio credo senza essere controllato, è una questione di libertà
• tutti sono obbligati ad avere un conto in banca (almeno finché non viene sostituito da altri monopoli gestiti dal governo, come un Facebook dei pagamenti via telefono)
• sei completamente sotto controllo degli stati e fra le mani non avrai niente, neanche più un pezzo di carta straccia che possa testimoniare i tuoi soldi: in poche parole, sei fregato!
• una violazione della propria indipendenza e libertà: sei costretto a dipendere da terze parti o banche e non puoi più avere accesso al tuo denaro!

Ecco cosa accade quando le persone non si rendono conto di cosa succede: la libertà inizia a morire pian piano, finchè viene tranciata tutta d’un colpo.
Meglio che ti fai trovare pronto.

Tu che ne pensi?
Contanti sì o contanti no?

Koan Bogiatto

Presidente e Co-Fondatore di Tribeke.
Formatore, autore di best-seller, imprenditore e speaker internazionale.
È il punto di riferimento di chi ha il coraggio di iniziare il cambiamento: aiuta gli imprenditori a creare una vita e un business libero dai vincoli nazionali.
Ha realizzato un’attività che gli permette di lavorare dove e quando vuole godendosi la vita con le persone che ama.

View all posts