L’altro ieri, circa 100 bimbi e ragazzi hanno finalmente visto la libertà dalla tortura e dagli abusi insieme ad altre 400 che venivano liberate dalla stessa prigione.

Scusate- dallo stesso istituto, e dai loro insegnanti “carcerieri”.

Sto scherzando?
Niente affatto.

Forse farai un “aah, ecco” quando ti dirò che è accaduto in Nigeria, ma ti spingo a non ignorare il fatto e giustificarlo.

Fra le cicatrici e le ferite gravi degli studenti (adulti e minorenni) c’era “l’intenzione dell’apprendimento del Corano” per fermare la criminalità e la droga.

Una bella stanza di tortura che ha svelato la polizia dove venivano picchiati e appesi a catene quando “avevano commesso un errore”.

Sui bambini.
Chissà come si saranno sentiti i genitori a scoprirlo.

Può “la fede nella religione” giustificare questo comportamento?
Uno degli argomenti più controversi sulla libertà è proprio fin dove la religione può arrivare.
Fin dove la fede può giustificare l’accaduto.

Si dice che “la tua libertà finisce dove inizia quella dell’altro”- ma cosa succede quando alcune religioni sono nella libertà degli altri?
Cosa succede quando le persone credono e hanno fede in qualcosa e loro agiscono per il bene degli altri secondo loro?

La religione, soprattutto con la globalizzazione, è un argomento da tenere bene in mente.
Più si diffondono le religioni, più si scatenano i loro effetti nelle nazioni nuove.

Più dobbiamo anche fare attenzione agli effetti che possono avere quindi su nazioni che hanno già altre religioni o che hanno delle credenze diverse.

Cosa succede, ad esempio, quando persone di altre religioni diventano sempre più numerose in Italia, in america o in qualsiasi stato?

Possiamo prendere in esempio la diffusione del cristianesimo tempo fa negli altri paesi, cosa che forse si studia (molto in parte) a scuola.

Perché non è la religione ma gli effetti sociali che ha e anche lo scontro che può causare.

Ovviamente lo staff e il proprietario sono stati arrestati.
Ma le intenzioni delle persone sono state forse spente?
O questa situazione si ripeterà sempre nel “nome della fede”?

La libertà va conquistata, protetta e trasmessa ai propri figli.
Ma come si traduce questo nella religione?
Come dovremmo insegnare questo valore insieme alla religione?
Tu cosa ne pensi?

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.