Ti ricordi il grande crollo del 2008 della Lehman Brothers?

Prima di quel momento specifico avresti potuto pensare che quello che accade nella grande terra a stelle e strisce non potesse toccare così tanto l’Italia. Invece, come penso tu abbia imparato bene, l’impatto arriva sulla penisola come uno tsunami.

Facciamo un salto avanti nel tempo: pensa a cosa sta accadendo oggi negli U.S.A.

Hanno stampato 1.9 trilioni di dollari.

L’ultimo decreto è ancora fresco, ma stanno già parlando della prossima stampa di altri 1 o 2 trilioni di dollari. Questo denaro dovrebbe aiutare il paese a ripartire, ad uscire dalla crisi e molto altro. Ma queste misure non producono e non possono produrre nessun risultato (come è stato dimostrato più volte).

Ignorano il risultato ottenuto con gli altri Stati.

Gli Stati che hanno scelto di essere poco severi hanno avuto risultati straordinari: pochi casi pandemici e un’economia più florida.

Gli Stati che sono stati severi ed eccessivi hanno fatto un disastro: pessimo contenimento della pandemia e un’economia in totale fallimento.

(Ci fa da esempio l’Argentina: danni sociali e psicologici assieme ad una cattiva gestione della pandemia)

Il debito è diventato 28 trilioni di dollari.

È aumentato di 4 trilioni in soli 12 mesi.
Inoltre stanno raggiungendo il 150% del PIL: numeri da pieno fallimento.
Un giochino della Federal Reserve simile ai mutui subprime del 2008, anzi, sembra proprio la stessa tecnica. Il danno è quindi solo collegato all’inflazione devastante che colpirà gli U.S.A. come fu per per la Germania negli anni ‘20? Ovviamente no. 

Vogliono ancora più inflazione.

Potresti pensare che sono dei folli. Invece no.
Gli U.S.A. hanno bisogno dell’inflazione, perché più sarà alta più potranno gestire meglio il debito accumulato perché “sembrerà” meno.

Si avvicinano ad una guerra.

È quindi veramente vicino il crollo e il fallimento degli U.S.A.?
La risposta è molto semplice. È solo una questione di tempo.
Gli U.S.A. hanno ormai un’unica possibile azione da mettere in campo: scatenare una guerra su vasta scala. Non è possibile continuare su questa strada visto che ormai la curva del debito pubblico è diventata una curva esponenziale.

Stanno riducendo il loro potere.

Lasciamo stare il capitolo “guerra mondiale” o “fallimento degli U.S.A.” e guardiamo invece cosa più semplicemente potrebbe accadere a breve.
Inflazione, tanta inflazione: enorme inflazione.
E inflazione significa almeno 3 gravi conseguenze:

  • riduzione del potere di acquisto
  • aumento della disoccupazione
  • perdita di potere come nazione

Oltre che molto altro ancora.

Stanno portando la stessa onda in Italia.

Il tuo denaro accumulato sul conto, investito nei fondi, entro poco tempo varrà sempre meno. Mai come oggi la strategia di tenere il denaro sul conto o nei fondi è la peggior mossa che potresti anche solo pensare (figuriamoci fare).

Quindi come procediamo? 

Che azioni sagge possiamo pensare di fare in merito a ciò che sta succedendo negli U.S.A. oltre conoscere i dati?

Io ne ho due:

  1. Pensa ad altri modi di proteggere il tuo patrimonio

Si possono fare investimenti sensati quali oro, argento, immobili, acquisizione di aziende in difficoltà, terreni, materie prime e molto altro ancora di cui parleremo nelle prossime mail.

  1. Presta attenzione a cosa fanno gli U.S.A.

Le loro azioni sono strettamente collegate a quello che succede in Europa e nello specifico in Italia.

La protezione del tuo patrimonio è la base del tuo potere, che poi ti serve per realizzare quello che ti desideri con la tua vita e il tuo business.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *